0

Cosa vedere ad Appiano sulla Strada del Vino?

Ogni pietra e ogni edificio custodiscono la storia.

E questa storia si apre a voi nel corso di un intenso tour culturale attraverso Bolzano, capoluogo di provincia, e i suoi dintorni. In alto, sulla Val d’Adige troneggiano misteriosi castelli e fortezze, mentre in centro vi attendono numerosi musei con periodiche mostre a tema, che vi racconteranno di arte, natura o del famoso Uomo venuto dal ghiaccio. E, tra una visita e l’altra, non può mancare un aperitivo in piazza…

L'atmosfera carica di storia
Castel Boymont
Castel Boymont

Su uno spuntone roccioso al di sopra della piccola località di Missiano, è possibile visitare le rovine di Castel Boymont, costruito in epoca romanica e oggi divenuto uno straordinario soggetto fotografico con le sue graziose trifore, le finestre a tutto sesto e la spettacolare vista sulle montagne e il paesaggio circostante.

Castel d’Appiano
Castel d’Appiano

Ripide pareti rocciose, verde rigoglioso e una vista sull’intera Val d’Adige: proprio qui sorge Castel d’Appiano, costruito intorno al 1130, all’epoca una delle più potenti residenze nobiliari della regione. Periodicamente vengono offerte visite guidate, mentre nell’osteria del maniero potrete godervi una straordinaria atmosfera assaporando piatti tradizionali.

Messner Mountain Museum
Messner Mountain Museum

Castel Firmiano accoglie uno dei MMM di Reinhold Messner, parte dell’affascinante progetto museale del famoso alpinista altoatesino. Attraverso immagini, sculture e reliquie, potrete apprendere informazioni e aneddoti su tema della montagna in un suggestivo scenario con una vista che spazia dallo Sciliar al Gruppo di Tessa.

Museo archeologico dell’Alto Adige (Ötzi)
Museo archeologico dell’Alto Adige (Ötzi)

Nel centro storico di Bolzano, partirete per un viaggio nell’età del rame, sulle tracce della più antica mummia conosciuta al mondo. Attraverso capi d’abbigliamento, strumenti e culti religiosi, l’esposizione illustra la vita di Ötzi, l’Uomo venuto dal ghiaccio, rinvenuto nel 1991 nelle Alpi della Ötztal.